Come coltivare un orto biologico

di Cristiana Lenoci difficoltà: media

Come coltivare un orto biologicoLeggi Oggi si sente spesso parlare di agricoltura biologica e prodotti biologici, e molta gente si dedica a questo tipo di coltivazione, che presuppone un ritorno alla natura e alla genuinità di una volta. I principi fondamentali sui quali si basa l'agricoltura biologica sono: la coltivazione di grandi varietà di ortaggi e verdure; l'utilizzo di concimi naturali per nutrire le piante e la terra (compost, torba, letame, ecc.); ricorso a tecniche naturali per eliminare malattie e parassiti che attaccano le piante, escludendo l'uso di sostanze chimiche. L'agricoltura biologica si serve di pratiche particolari per evitare la proliferazione di insetti e parassiti, come per esempio la rotazione degli ortaggi, scegliendo quelli più collaudati e resistenti alle malattie, oppure tramite insetti antagonisti che si cibano dei parassiti stessi.

I vantaggi dell'agricoltura biologica sono: riduzione o annullamento di qualsiasi conseguenza negativa sull'ambiente; risparmio di denaro (se utilizziamo i prodotti coltivati per il nostro fabbisogno per per il nostro fabbisogno personale); benefici per l'organismo, che non assimila concimi e fertilizzanti chimici. Le tecniche che si utilizzano per coltivare i campi in modo biologico sono le stesse da applicare nel caso in cui si desideri coltivare un orto biologico. Dedicarsi ad un orto biologico consente di ristabilire il contatto con la natura ed i suoi insegnamenti, poichè si segue il ciclo naturale della terra, imparando ad osservare i suoi fenomeni.

1 Come coltivare un orto biologicoLeggi Quali sono i requisiti per ottenere una buona fornitura di ortaggi freschi? Se sei alle prime armi, non scoraggiarti, perchè basta seguire qualche semplice accorgimento. Innanzitutto, bisogna disporre di acqua a sufficienza per irrigare le piantine sia in estate che in inverno. E' consigliabile che la terra sia a medio impasto, piuttosto drenante. L'orto deve avere una buona esposizione alla luce solare. Inoltre, per coltivare un orto biologico servono buon senso e pazienza, due doti preziose per chi intende svolgere questa attività.
La terra deve essere pronta ad accogliere l'orto, quindi bisogna liberarla da erbacce e radici ingombranti. La preparazione del terreno è piuttosto lunga e impegnativa, viene concentrata soprattutto nei mesi autunnali e in inverno. Dopo una vigorosa vangatura, se il terreno è ancora piuttosto duro, si può aggiungere un po' di sabbia. Le zolle si lasciano per tutto l'inverno, per poi procedere in primavera con la fresatura.

La concimazione con il letame, invece, va fatta in due riprese: per metà in autunno e per metà in primavera. Per tenere lontani gli animali che potrebbero danneggiarlo, si consiglia di recintare l'orto. Per facilitare la coltivazione, è utile dividere lo spazio in zone o porzioni, a seconda di quanti ortaggi si vogliono coltivare.
Prima di procedere alla coltivazione, è importante accertarsi che il terreno non sia carente di sostanze nutritive indispensabili per la crescita delle piante (per esempio, l'humus). Basta osservare il colore della terra: se è fertile, in genere il colore tende ad essere piuttosto scuro. Per fugare ogni dubbio si può procedere ad una analisi del terreno per valutare se è fertile o meno.

2 Quanto spazio hai a disposizione per coltivare il tuo orto biologico? Per una buona fornitura di ortaggi per una famiglia di 3/4 persone possono bastare 30 mq circa, ma con il doppio si può soddisfare il fabbisogno di una famiglia (con tre, quattro persone) per un anno intero. Su una superficie di dimensioni maggiori, per esempio 100 mq, si possono coltivare diverse specie di ortaggi come cardi, carciofi, patate, asparagi.
Il segreto per avere un orto sempre vitale e produttivo consiste nel non coltivare sempre le piante negli stessi spazi, ma alternarle ogni anno. Per esempio, il primo anno si coltiva il pomodoro, il secondo i legumi, il terzo gli ortaggi a foglia larga, ecc. Uno dei segreti dell'agricoltura biologica consiste nel mettere vicine determinate specie perchè si favoriscono a vicenda proteggendosi reciprocamente dai parassiti. Sfruttando questa naturale "simpatia" tra le piante si eviterebbe il ricorso a fertilizzanti e pesticidi chimici.

Secondo le regole dell'agricoltura biologica, è consigliabile irrigare le piantine nelle prime ore della giornata oppure al tramonto, per evitare gli sbalzi di temperatura che potrebbero essere dannosi per alcune specie più delicate. Il metodo più consigliato e più pratico è quello "goccia a goccia".

Continua la lettura

3 E' possibile coltivare un orto biologico sul terrazzo o sul balcone? Pare proprio di sì, in alcuni posti va di moda utilizzare spazi anche minimi per autoprodurre ortaggi e altro.  L'unico requisito è che gli spazi siano orientati a sud o che ricevano la luce del sole per almeno metà della giornata.  Approfondimento Guida alle tecniche di agricoltura biologica (clicca qui) Per coltivare un orto biologico bisogna seguire i cicli naturali delle piante senza forzare la loro crescita.  A tutti è data la possibilità di produrre da sè tutto quello che serve per un'alimentazione sana e genuina.. 

Pomodoro biologico: tecniche di coltivazione Grano biologico: tecniche di coltivazione Come fare agricoltura biologica Rimedi naturali per proteggere l'orto dai parassiti

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide utili