Come coltivare un orto biologico

di Sarah Galmuzzi difficoltà: media

Come coltivare un orto biologico Il km 0 è la vera ossessione degli ultimi anni. Sempre più alto il numero di coloro che 'mangiano solo quello che hanno visto crescere' o comunque di coloro che acquistano prodotti rigorosamente biologico, trattati cioè in maniera sicura per la salute. Si tratta principalmente di famiglie all'interno delle quali ci sono bambini piccoli, per i quali si vuole adottare un'alimentazione sana e garantita. Ma non solo, sono davvero tanti coloro che scelgono di mangiare bio, e che adottano regole molto ferree. Non sempre però è possibile acquistare sempre tutto, i costi sono elevati: vediamo allora come coltivare un orto biologico in casa, così da salvare salute e portafogli.

1 Come coltivare un orto biologico I principi fondamentali sui quali si basa l'agricoltura biologica interessano da un lato la coltivazione di grandi varietà di ortaggi e verdure, escludendo, naturalmente le verdure fuori stagione; e dall'altro l'utilizzo di concimi naturali per nutrire le piante e la terra, realizzati attraverso apposite compostiere, utensili di poco ingombro che raccolgono i rifiuti umidi alimentari e li trasformano, grazie ad apposite, semplici tecniche, i suddetti rifiuti in un concime naturale, ideale per far crescere le piante in modo sano.

2 Contrariamente a quanto si possa credere, lo spazio necessario per la realizzazione di un orto biologico non è moltissimo. Per una famiglia di 3/4 persone, ad esempio, è sufficiente uno spazio anche di 30 mq, praticamente un balcone bello ampio, un piccolo terrazzo. Naturalmente una quadratura superiore non solo consente di poter coltivare un numero maggiore di verdure, ma soprattutto di poter diversificare la coltivazione, in modo da avere una grande varietà di scelta a tavola e fuori.

Continua la lettura

3 Così come accade nell'agricoltura tradizionale, quella effettuata nei campi, anche per l'orto biologico vale la regola della coltivazione alternata: ossia è necessario che periodicamente le aree dove si coltivano ortaggi e verdure vengano interessate da prodotti diversi, così da non consumare il terreno, e non stressarlo troppo, ma anzi, renderlo via via più ricco, dal momento che gli ortaggi rilasciano nel terreno via via i loro principi nutritivi rendendolo sempre vitale e produttivo.  Ultimo, ma non meno importante elemento, è costituito dall'acqua.  Approfondimento Rimedi naturali per proteggere l'orto dai parassiti (clicca qui) È necessario ricordarsi di annaffiare le nostre piante al tramonto, così che, in assenza di sole e caldo l'acqua non evapori e quindi riesca a nutrire in profondità e più a lungo le nostre piante.

Pomodoro biologico: tecniche di coltivazione Orto in primavera: cosa fare I migliori orti botanici d'Italia Come scegliere una serra in base alla coltivazione

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide utili