5 alternative naturali allo shampoo

di Enrica Conversano difficoltà: media

5 alternative naturali allo shampoo Lo shampoo è quello che serve a lavare i capelli, e in commercio ce ne sono mille tipi diversi, eppure spesso tende più a rovinare i capelli o a farli sembrare più sporchi, soprattutto perché cosi si aumenta la produzione, eppure il mondo di oggi ci dice che ci sono mille modi alternativi per evitare di distruggere la nostra cute, uno dei simboli più evidenti di bellezza di una donna e anche uno dei più curati. Scopriamo allora insieme 5 alternative naturali allo shampoo per lavare i nostri capelli, anche fatti in casa, senza utilizzare i classici prodotti, e senza spendere troppi soldi.

Assicurati di avere a portata di mano: Birra. Bicarbonato di sodio. Farina di ceci. Aceto di mele. Polvere d'argilla.

1 Shampoo alla farina di ceci. Questo tipo di prodotto ha la capacità di assorbire il grasso presente sulla cute. Basta posizionare il composto come se fosse un impacco sui propri capelli per poter beneficiare delle sue mille proprietà. Si prepara molto semplicemente unendo un cucchiaio di farina di ceci con dell'acqua tiepida e due cucchiai di aceto. Si deve mescolare prima la farina con l'acqua e poi pian piano vi si deve aggiungere dell'aceto. Il tutto può essere inserito in un contenitore.

2 Shampoo alla polvere d'argilla. Si tratta di una sostanza altamente purificante e riequilibrante. Essa è in grado di opacizzare i capelli grassi e far scomparire il sebo in eccesso. Si prepara mescolando 4 cucchiai di argilla bianca, due gocce di olio essenziale di limone e mezzo bicchiere di acqua tiepida. Il composto deve essere inserito in un contenitore e va usato durante il lavaggio. Successivamente, lo si deve risciacquare in maniera meticolosa.

Continua la lettura

3 Shampoo con aceto di miele: mescolando uno o due cucchiai di questo insieme con una tazza di acqua BOLLENTE si può ottenere un altro shampoo che ha caratteristiche protettive nei confronti dei capelli, attenzione però durante la fase di risciacquo, in quanto l'aceto potrebbe comunque avere un odore spiacevole.

4 Shampoo al bicarbonato di sodio: questa tipologia di shampoo alternativo è da utilizzare con molta parsimonia ma è anche facilmente fattibile; infatti, comprando il bicarbonato di sodio al supermercato e mescolando un cucchiaio di questo insieme con una tazza d'acqua tiepida si può ottenere un fluido che non rovini la cute.

5 Shampoo alla birra. È particolarmente indicato per coloro che hanno una capigliatura riccia. Essa consente di ammorbidire i capelli e di renderli più opachi. Il suo uso è strettamente legato ai propri gusti personali. Nel caso in cui si dovessero presentare dei casi di secchezza delle cute, è meglio smettere la sua applicazione.

Miele: 10 usi alternativi 10 trucchi green di bellezza Come lavare gli animali domestici in modo ecologico 5 modi per riutilizzare la farina scaduta

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altri articoli